S’Foglia

S’Foglia

 

S’al za una foglia che ancor il mio car[r]o non vol’ta
in’vento e or d’odor e solo al color di se[e]tà
che sen[z]a d’[e t]ire po[s]sa io fores’te in tere
in orizz’onti e pieni e vuo[i]ti
e cicli di stagioni e secoli di amori
in’finiti e tempi di quel sol Canton
ad uni’re del circocerchio sen’so umano
che etere son io
in gener per’d’io
si f’onde a [s]fonde
e vol’ta in’vi’bro
tras’parente al vitro

 
 
 
 

Related posts

lì’tt’le so’ciety, the h’n’ous’e

lì’tt’le so’ciety, the h’n'ous'e

        i no’stri figli oggi no mostri e’si’lì fanta smi del marcio ap pellato profu mo'r tra fitti da i nostri spasmi menta li da i da i scempi's'amo li ancora de l vuo i to pneumatico che è in noi opu’lenta vuo’ta’ società aggregata c on unghie a fal’se...

Spazio Tempo

Spazio Tempo

        Io ero'e qui qua nd'anche li a scher strali neri In o'so'gni luo'go e gni tem'po' te e cuor io vol' es ed er r o è        

I ‪#‎diamanti‬ e la ‪#‎felicità‬

I ‪#‎diamanti‬ e la ‪#‎felicità‬

    un diamante è una gemmazione tetraedrica del carbonio avente base atomica 6 ed elemento alla base della chimica organica del pianeta alias la vita, così come il ciclo del carbonio-azoto fornisce gran parte dell'energia prodotta dalle stelle. Tale gemmazione avviene in presenza...

vent’uno filo

vent'uno filo

    s'vol g'ere il filo de l' am'ore ed ore ed ore si che se so'gno'si'a frantumi i ven'ti e me apo'stoli di i'n'r e realtà dolc'è silenzioso abban'dono e si vent'uno, noi        

sono in pericolo di questa vita

sono in pericolo di questa vita

    non de e evo parlare non de e evo ascoltare s o n bere e bere s o n digitare e digitare non devo guardare ma guardare   sono in pericolo di questa vita   non de e evo camminare non de e evo fermarmi s o n dormire e dormire s o n seduto lì e seduto lì Non...

AGNUS DEI, avanti il prossimo, chi sarà il prossimo?

AGNUS DEI, avanti il prossimo, chi sarà il prossimo?

    E' topos e logos del genere umano ricercare quello che volgarmente possa essere sentenziato come capro espiatorio, fino ad arrivare alla costituzione, giustificazione e glorificazione del branco; branco che dapprima lo pasce, poi lo caccia e lo azzanna per soddisfare la propria...

NEL GIARDINO PERDUTO

    nel giardino perduto, urlarono mari in burrasca nei legni infissi in se stessi topi e fantasmi tra vele, su alberi crocifissi. Come, le vigne sui colli, legavano stelle, ai cipressi e le case, ai nomi e sui volti, tra sconosciute galassie per non perdere il nord, il...

kāma

kāma

  in sanscrito: “l’unione tra la luce divina [ka] e la realtà finita [m] dell’uomo”, “la misura [m] della relazione con la luce divina [ka] , incontro tra l’infinito [ka] e il finito [m]”, “amare” in latino (k)amo-are amare.   In altre parole, "amore" o kāma è la misura umana della...

          IN TRAPANI, PAZZIA   e piango quanto hai perduto se tu, mai, lo abbia avuto e piango quanto non ti abbia dato se io, mai, lo abbia posseduto e piango che, durante, la vita brucia, e mai.          

Leave a comment