Pace.

M’accorgo dell’uomo che passa,
lo lascio in pace, non gli do pace.
M’accorgo dell’animale che passa,
lo lascio in pace, non gli do pace.
M’accorgo dell’albero che mi fa ombra,
lo lascio in pace, non gli do pace.
M’accorgo del cielo che mi sovrasta,
lo lascio in pace, non gli do pace.
M’accorgo delle stelle che risplendono,
li lascio in pace, non gli do pace.
Lascio nella pace
gli incontri del mio cammino.
Ed è così che pace fu.

Related posts

Fenomenologia di Carl Brave e Franco 126

Fenomenologia di Carl Brave e Franco 126

  Nell'ultimo mese circa in Italia è scoppiato un nuovo fenomeno musicale: si tratta del duo romano composto da Carl Brave e Franco 126, due ragazzi cresciuti a Trastevere che hanno deciso di iniziare insieme ad altri amici a fare musica, e lo hanno fatto con costanza fino a diventare in...

Brevi pensieri sociali #2

Brevi pensieri sociali #2

  Nietzsche è, non solo in quanto filosofo bensì in quanto educatore morale, un momento del percorso che un intellettuale deve compiere. Tuttavia va riconosciuto che non può essere il momento ultimo. La condanna cinica che opera nei confronti del mondo è un peso troppo grande da sostenere...

La necessità di rinascita della politica giovanile

La necessità di rinascita della politica giovanile

  La morte della politica nel mondo giovanile   Oramai è chiaro: i giovani non si interessano di politica, anzi la disprezzano, percependola come un mondo lontano e noioso che non influenza la loro vita e per cui, di conseguenza, non provano alcun genere di interesse, né si sentono...

Leave a comment