a e pa ce d io

a e pa ce d io

 
 
 

sdoppi ando questi corpi
sia la guer ra sia la pace
sia il venuto ven to piega preg ar la fron da
sia l’ immobi le spec ch io pos sa dio veder
del la go rumor assen te
un sorri so od un pian to
geni
sia il ne ro e il bian co opa città perdu te
sia il bril lii stella ti e il immen scuro cielo a fidati
aprir mi il petto si
da strap pare, pagare il cuore
ineluttabile o de e vibra zione
dal me no al più o, tu
fin al cerch io
a e pa ce
sia l’ o dio e sia l’am ore
tri punto, tripu dio
 
cerchi 

Related posts

Fenomenologia di Carl Brave e Franco 126

Fenomenologia di Carl Brave e Franco 126

  Nell'ultimo mese circa in Italia è scoppiato un nuovo fenomeno musicale: si tratta del duo romano composto da Carl Brave e Franco 126, due ragazzi cresciuti a Trastevere che hanno deciso di iniziare insieme ad altri amici a fare musica, e lo hanno fatto con costanza fino a diventare in...

Brevi pensieri sociali #2

Brevi pensieri sociali #2

  Nietzsche è, non solo in quanto filosofo bensì in quanto educatore morale, un momento del percorso che un intellettuale deve compiere. Tuttavia va riconosciuto che non può essere il momento ultimo. La condanna cinica che opera nei confronti del mondo è un peso troppo grande da sostenere...

La necessità di rinascita della politica giovanile

La necessità di rinascita della politica giovanile

  La morte della politica nel mondo giovanile   Oramai è chiaro: i giovani non si interessano di politica, anzi la disprezzano, percependola come un mondo lontano e noioso che non influenza la loro vita e per cui, di conseguenza, non provano alcun genere di interesse, né si sentono...

7 Comments

  1. heavenif 15/08/2014

    mi inquieta e al tempo stesso incuriosisce questo destrutturare le parole e la doppia chiave di lettura, se nn multipla, che si può dare al testo. e a seconda del sentire ho letto cose diverse. la vita è si un sinusoide ma meno regolare di come la si immagina nn casuale che tenda all’infinito così come la morte e mi chiedevo se nn l’averla fatta coincidere con lo zero nn corrisponda al fatto che se è vero che ci sia annullamento fisiologico forse resta altro che sposta questa retta piatta di un’unità indefinita al di sopra dello zero..
    d’io… già dio.

    • Loris Elio Sardelli 15/08/2014

      Lo stile, il mio stile: quanto sacrificio, quanto studio e a tal proposito ti inviterei a leggere la recensione del prof. Mercadante presso questo link http://leggiecrea.it/opere-di-leggi-e-crea/ così come se tu gradissi potremmo sempre approfondirne le pieghe con molto mio piacere ed entusiasmo.
      i due grafici, invece, rappresentano ciò che sia qui, nel terreno, in termini di vibrazioni; La prima sinusoide è solo un millisecondo ici o lá-bas rappresentando una frequenza esemplificativa in contrapposizione con la minor frequenza che invece la morte genera; ben più assordante è il terzo che tutto racchiude essendo a sua volta racchiuso e che potremmo universalizzare con un concetto caro alla geometria sacra esplicativo del termine < >. A rileggerti prestissimo ti abbraccio e saluto

  2. heavenif 16/08/2014

    il problema è che nn vibriamo all’unisono, a volte neanche con noi stessi …
    apprezzo il fatto che parli della morte, forse l’ultimo ed il più grande tabù che l’umanità si poterà sempre dietro nn perchè il parlarne sia dissacratorio o altro, ma perchè fa paura. leggevo un interessante articolo tempo fa sugli studi psichiatrici in materia: esiste la vita perchè c’è la morte, e c’è la morte perchè esiste la vita. parlarne è prendere coscienza di ciò che realmente siamo e paradossalmente aiuta a vivere meglio, a cogliere quella che dovrebbe essere la vera essenza della vita.

  3. heavenif 16/08/2014

    racchiude il tutto il terzo disegno: a occhio direi che le spirali dei cerchi esterni le hai disegnate dall’esterno verso l’interno e quello al centro vuoto come a risucchiare il tutto nel nulla. in fondo i buchi neri sono l’ultimo stadio della morte delle stelle e come diceva margherita hack siamo fatti di polvere di stelle, può sembrare una frase “poetica” ma dietro c’è tutta una vita, la sua, dedicata allo studio dell’universo. è da li che veniamo e li torneremo.
    buon sabato e un abbraccio a te .

  4. simona maggiore 16/08/2014

    ODIO – AMORE / le facce della stessa medaglia nel cerchio della vita in cui il TRIPUDIO = DIO/ IO e IL PROSSIMO (TU) si alternano e/o accavallano nella ricerca del DIVINO e tutto riporta sempre a se stessi.

  5. Loris Elio Sardelli 16/08/2014

    Cara Simona, dal trittico traiamo quanto necessario alla completezza senza superflui costrutti. Un cerchio in fondo consta di tre elementi per dirsi definito: il suo centro, il suo raggio, la totalità dei 360° per dirsi compiuta la totalità della corda della sua circonferenza

Leave a comment