NEL GIARDINO PERDUTO

 
 

nel giardino perduto, urlarono mari in burrasca
nei legni infissi in se stessi
topi e fantasmi tra vele, su alberi crocifissi.
Come, le vigne sui colli, legavano stelle,
ai cipressi e le case, ai nomi e sui volti,
tra sconosciute galassie per non perdere il nord,
il ritorno agognato agli altari del giorno, la stella.
Su scogli infernali di guglie che tagliano corpi
e aguzzi becchini volanti scrivono sangue
lontani da ogni specchio non potevamo vederci,
abbracciati con pietà alla cieca e l’attesa,
proprio mentre passavano stelle
e mondi e galassie, fugaci, in sorrisi casuali
e piccolissimi punti di luce come fori
sul tessuto di Maya, occhi, traverso cui vedere:
noi, uccisi tutti noi sulla via di Tebe e ciechi
eppure amanti, ognuno dell’altro spinti al massimo al tre
per eserciti forti.
Immensa pietà e abbandono, per ogni piccola gioia
soffiata subito via come pula da grano
o foglie da olive
nelle piccole gioie lo specchio, la polvere
si perdeva lontana ad ogni giorno così,
tra i fornelli e i deserti, nelle città, nelle banche,
nel cuore di armati perduti a sparare
afferrati a rovi di acciaio e lame velenose di fiori
anche nella splendida Francia che beve,
da amanti di sé ad uno ad uno da soli
sangue nero, da altre sue genti perdute.
incolonnati, molecole d’acqua nel fiume,
abbarbicati, ognuno alle gambe di un altro
ci vennero a trovare le nostre conseguenze
la polvere, gli specchi, le gioie, perdute nei deserti
in questo splendido mandala di fiamme.
Follie isolate nelle città degli abiti uniformi
e splendori di amore tra baracche di vita,
sangue nuovo e moderno bevuto dai deserti,
noi senza-colpe, senza risposte agli orsi bianchi
ai continenti di plastica marina, armi vendute
affari neri, noi non rispondemmo
ci bastò accusare conseguenze che ci vennero a trovare.
Nel giardino perduto lasciammo
tutto il nostro senso tra le foglie d’autunno
ma ora, passato l’inverno, torniamo,
a sistemare il giardino, spazzando via semi di potere
pulire la nostra casa: questo splendido mandala di fiamme

 
 
 
 

Related posts

S’Foglia

S'Foglia

  S'al za una foglia che ancor il mio car[r]o non vol’ta in'vento e or d'odor e solo al color di se[e]tà che sen[z]a d’[e t]ire po[s]sa io fores’te in tere in orizz’onti e pieni e vuo[i]ti e cicli di stagioni e secoli di amori in’finiti e tempi di quel sol Canton ad uni’re del...

lì’tt’le so’ciety, the h’n’ous’e

lì’tt’le so’ciety, the h’n'ous'e

        i no’stri figli oggi no mostri e’si’lì fanta smi del marcio ap pellato profu mo'r tra fitti da i nostri spasmi menta li da i da i scempi's'amo li ancora de l vuo i to pneumatico che è in noi opu’lenta vuo’ta’ società aggregata c on unghie a fal’se...

Spazio Tempo

Spazio Tempo

        Io ero'e qui qua nd'anche li a scher strali neri In o'so'gni luo'go e gni tem'po' te e cuor io vol' es ed er r o è        

Leave a comment