Fenomenologia di Carl Brave e Franco 126

Fenomenologia di Carl Brave e Franco 126

  Nell’ultimo mese circa in Italia è scoppiato un nuovo fenomeno musicale: si tratta del duo romano composto da Carl Brave e Franco 126, due ragazzi cresciuti a Trastevere che hanno deciso di iniziare insieme ad altri amici a fare musica, e lo hanno fatto con costanza fino a diventare in questo ultimo periodo i

Cosa rischia l’Italia se nulla cambia

Cosa rischia l’Italia se nulla cambia

  Il vento che soffia in Italia, come suggeritomi pochi giorni fa da un caro amico, ricorda molto quello che soffiava nei primi anni del secolo scorso, quando le piazze gridavano contro il governo, gli elementi estremisti della società iniziavano a riempire le strade e le azioni futuriste smuovevano l’atmosfera. Ad accomunare questi due momenti

Brevi pensieri sociali #2

Brevi pensieri sociali #2

  Nietzsche è, non solo in quanto filosofo bensì in quanto educatore morale, un momento del percorso che un intellettuale deve compiere. Tuttavia va riconosciuto che non può essere il momento ultimo. La condanna cinica che opera nei confronti del mondo è un peso troppo grande da sostenere per un uomo sociale. Solo un uomo

La necessità di rinascita della politica giovanile

La necessità di rinascita della politica giovanile

  La morte della politica nel mondo giovanile   Oramai è chiaro: i giovani non si interessano di politica, anzi la disprezzano, percependola come un mondo lontano e noioso che non influenza la loro vita e per cui, di conseguenza, non provano alcun genere di interesse, né si sentono in dovere di farlo. Chi si

Le lacrime e le soddisfazioni di Pasolini

Le lacrime e le soddisfazioni di Pasolini

  Pier Paolo Pasolini è stato un uomo, artista e intellettuale sofferente, prima di tutto. La sensibilità nei confronti dei fenomeni e delle dinamiche sociali che aveva sviluppato era notevole, e la critica giornalistica lo sapeva bene, mettendolo spesso al centro di dibattiti nazionali. Questa sua sensibilità si poteva leggere nei suoi numerosi editoriali sul

Il futuro sociale, politico, economico e culturale del mondo.

Il futuro sociale, politico, economico e culturale del mondo.

  La tecnologia progredisce di giorno in giorno. La percezione del tempo, dettata dalle scoperte scientifiche, è totalmente mutata. Il ruolo e l’utilità dell’uomo nel lavoro sono liquefatti e incerti. Partendo da queste considerazioni oggettive, è necessario che l’uomo si interroghi, culturalmente e politicamente, su quale potrà essere o su quale dovrebbe essere il suo

La differenza tra autostima e narcisismo

La differenza tra autostima e narcisismo

  In questo capitolo del saggio mi soffermerò sulla sottile e spesso impercettibile differenza che intercorre tra ciò che è virtuoso e ciò che è patologico. Una volta riconosciuti gli atteggiamenti di chi fa dell’interfunzionalismo un’arma di combattimento sociale, bisognerà distinguere le reali cause di tali atteggiamenti. Cerchiamo di essere più chiari. Si è capito

Brevi pensieri sociali #1

Brevi pensieri sociali #1

  La cultura postmoderna è affetta da una patologia ontologica-esistenziale: non si ha la capacità di distinguere l’immaginazione dalla realtà. In questo modo la sofferenza di vivere odierna è dettata dall’incapacità di accettare il fatto che modelli come il sogno americano, o ogni altra forma utopistica di vita sociale, non esiste, se non creato dalla

Il rapporto tra la liquidità baumaniana e l’interfunzionalismo

Il rapporto tra la liquidità baumaniana e l’interfunzionalismo

  Abbiamo visto, nel corso di questo saggio, come le modalità di inserimento e penetrazione sociale dell’interfunzionalismo somiglino spaventosamente a quelle modalità dialettiche e retoriche utilizzate nella storia per affermare la morale cristiana in un panorama sociale facilmente plasmabile. Mentre riflettevo su quali fossero le ragioni per cui l’interfunzionalismo si è tanto affermato, mi è

La donna nel sistema interfunzionalista

La donna nel sistema interfunzionalista

  Scrivendo questo testo, su cui ragiono da tempo, mi assumo una rischio che molti, dopo aver dato un loro giudizio, preferiranno chiamare responsabilità. Il titolo dice tutto “ La donna nel sistema interfunzionalista “ , ed in quanto il dibattito, le manifestazioni e le battaglie per difendere i diritti del sesso femminile sono ancora

Momenti di amore

Momenti di amore

  Stava là seduto in quel salotto profumato, su una poltrona marrone in pelle con dei grossi braccioli su cui lui poggiava il gomito destro tenendo l’avambraccio alto e la mano a sostenere la testa, aveva le gambe accavallate e stava stravaccato comodamente con fare fiero e sereno; reggeva con la mano sinistra un bicchiere

Le basi nietzschiane dell’interfunzionalismo

Le basi nietzschiane dell’interfunzionalismo

  Le tecniche ed i metodi di imposizione dell’interfunzionalismo sono tuttavia vecchi di secoli, l’uomo ed il mondo ne hanno visti già per tempo, ne hanno già conosciuti e c’è anche chi già li ha scoperti e svelati, in parte o del tutto. Vi è un uomo, però, che più che filosofo è stato psicologo