Il bisogno

Il bisogno.

All’ombra del generoso albero,
che mai mancò di dar sollievo,
per l’anima mia ed il mio corpo intero,
cominciai a sognare
ed il mio sguardo più non fu.

Preso dal cammino,
senza ch’io potessi rinunciare,
andavo per un sentiero,
che la mia mente non ricordava.

Il posto davanti a me,
era un luogo di case e d’uomini,
che s’agitavano nel loro fare,
senza degnarmi d’attenzione.
Cercai invano di parlar con qualcuno,
ma le risposte erano taciute.

Tutti guardavano il mio passar,
ed io guardavo loro,
paura non avevo.

Scorsi ad un punto,
una roccia che menava acqua,
e li m’inchinai a bere,
ma l’acqua era niente nella mia bocca.

La gente li presente,
rideva scorgendo la mia sete,
che una fonte per l’assetato,
non fu mai tanto crudele.

In cuor mio,
sapevo di sognare,
ma il risveglio non si chinò al mio volere.
Pensai ch’io avea bisogno di dissetarmi,
ma il come fare non venne in mente.

Tentai caparbiamente,
più e più volte,
ma asciutto restai e con grande sete.

Taluno, vedendomi in pena,
si accostò a me
e sussurrò l’amara sorte di chi ha bisogno,
che mai fu fortuna.

Lui, preso ancor di pietà,
mi spinse fuori dalla rupe,
che il sollievo ebbi poi,
più avanti nel cammino,
non per aver bevuto,
ma distratto dal nuovo apparir di cose,
che rimedio fu alla mia sete.

Tanto strana è l’esistenza,
e ancor più è il mio bisogno,
che s’annuncia e mi stravolge,
e il buon senso va per la sua strada,
quando l’apparir di sofferenza ingoia la speranza.

Andare, questo è il mio cammino,
non per cercar sollievo,
ma per vivere la vita.
Svegliato dal lungo sonno,
mi trovai in pace,
che tutto quieto era intorno,
e mai più,
m’ostinai a cercar ristoro.

Related posts

Fenomenologia di Carl Brave e Franco 126

Fenomenologia di Carl Brave e Franco 126

  Nell'ultimo mese circa in Italia è scoppiato un nuovo fenomeno musicale: si tratta del duo romano composto da Carl Brave e Franco 126, due ragazzi cresciuti a Trastevere che hanno deciso di iniziare insieme ad altri amici a fare musica, e lo hanno fatto con costanza fino a diventare in...

Brevi pensieri sociali #2

Brevi pensieri sociali #2

  Nietzsche è, non solo in quanto filosofo bensì in quanto educatore morale, un momento del percorso che un intellettuale deve compiere. Tuttavia va riconosciuto che non può essere il momento ultimo. La condanna cinica che opera nei confronti del mondo è un peso troppo grande da sostenere...

La necessità di rinascita della politica giovanile

La necessità di rinascita della politica giovanile

  La morte della politica nel mondo giovanile   Oramai è chiaro: i giovani non si interessano di politica, anzi la disprezzano, percependola come un mondo lontano e noioso che non influenza la loro vita e per cui, di conseguenza, non provano alcun genere di interesse, né si sentono...

Leave a comment