ARMONIE DEL TOCCO

 
 
 
 

26/07/07
Una musica tocca le vene, la pelle,
riemerge, si tuffa negli abissi del sangue
pesca parole e promesse,
le porta lì,
di fronte ai tuoi occhi e la bocca ti trema
anche alle parole si muovono le spalle
quanta forza
rimpianto, quante visioni
per una luna lacerata o un tramonto
che salutano per sempre e un rimedio
ti regalo
subito, un olio salvo
che ti unga mentre dormi ancora tremante
è un sogno, ecco il battito ascoltalo e basta
ed è solo
piccola spina d’amore
incapace di alzare mani con la mente
nella mente, quell’altro corpo che vorresti
nel tuo sogno
ma il tuo tremare è salvato
muovi le montagne senza sapere niente
come un dio d’amore che si rappresenta
ed è fatto
sperduta molecola
insieme ad altre muovi vele di vulcani
le grandi zolle alla deriva sulla terra
affollata
affogata in erba gialla
per esplodere ancora ogni istante nel cuore,
più sotto, nel ventre e le gioie sono fatte,
mescolate,
temporaneamente
agli orrori del fuoco ed il fuoco fa il pane,
il terrore distilla il dolore allarga
il tuo tempo
sulle ciglia del cielo
che sarà mai una spina?ma basterebbe
potrebbe, un pizzicotto nel sogno, svegliarsi
e muovere
la tua mente con le mani
manipolare il blu che si intravede sempre
anche nel vedere immensa una piccola spina
tra le foglie
fitte, delle tue passioni
come un pianista mi illudo poter toccare
il dorso dell’anima, la peluria dei monti che fibrilla.

 
 
 
 

Related posts

S’Foglia

S'Foglia

  S'al za una foglia che ancor il mio car[r]o non vol’ta in'vento e or d'odor e solo al color di se[e]tà che sen[z]a d’[e t]ire po[s]sa io fores’te in tere in orizz’onti e pieni e vuo[i]ti e cicli di stagioni e secoli di amori in’finiti e tempi di quel sol Canton ad uni’re del...

lì’tt’le so’ciety, the h’n’ous’e

lì’tt’le so’ciety, the h’n'ous'e

        i no’stri figli oggi no mostri e’si’lì fanta smi del marcio ap pellato profu mo'r tra fitti da i nostri spasmi menta li da i da i scempi's'amo li ancora de l vuo i to pneumatico che è in noi opu’lenta vuo’ta’ società aggregata c on unghie a fal’se...

Spazio Tempo

Spazio Tempo

        Io ero'e qui qua nd'anche li a scher strali neri In o'so'gni luo'go e gni tem'po' te e cuor io vol' es ed er r o è        

Leave a comment